Anticipazioni

 Come per il TFR "in Azienda", anche nel Fondo Pensione hai la facoltà di richiedere un'anticipazione sul capitale maturato. La normativa prevede:

 

Spese mediche

Puoi richiedere in qualsiasi momento un'anticipazione, per un importo non superiore al 75% del tuo capitale maturato, per spese sanitarie conseguenti a gravi situazioni attinenti al coniuge, ai figli o per te stesso, per terapie e interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche. Sugli importi anticipati la normativa fiscale, in vigore sui contributi versati dal 2007, prevede una tassazione del 15%.

 

Prima casa

Decorsi 8 anni di iscrizione, puoi richiedere un'anticipazione, per un importo non superiore al 75% del tuo capitale maturato, per l'acquisto della prima casa di abitazione per te, coniuge o per tuoi figli o per la realizzazione, sulla prima casa di abitazione, degli interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria, di ristrutturazione edilizia. Sugli importi anticipati la normativa fiscale, in vigore sui contributi versati dal 2007, prevede una tassazione del 23%.

 

Altre motivazioni (non prevista per il TFR "in azienda")

Dopo 8 anni di iscrizione, puoi richiedere un'anticipazione, per un importo non superiore al 30% del tuo capitale maturato, senza presentare specifica documentazione. Sugli importi anticipati la normativa fiscale, in vigore sui contributi versati dal 2007, prevede una tassazione del 23%.

E' bene ricordare che la Covip (Commissione di Vigilanza dei Fondi Pensione) considera "questa forma di prelievo è quanto di più lontano si possa immaginare dalla logica pensionistica". Non è un caso che il legislatore non abbia favorito l'applicazione della fiscalità agevolata, salvo nel caso di estrema necessità come le spese mediche. Ad esempio, l'anticipazione del 30% per altri motivi costituisce un "consumo" anticipato della futura pensione complementare.

 

Per approfondire gli argomenti scaricare :

 

Le altre Prestazioni: